cerco - offro

Un gesto solidale per mamme in difficoltà

(DIRE) Bologna, 5 mar. - Una raccolta di oggetti di uso quotidiano per rendere accoglienti e abitabili i nuovi appartamenti che il Comune di Bologna ha deciso di destinare a mamme in difficolta'. Se ne sta occupando Asp Irides (Azienda di servizi alla persona) che e' stata incaricata di allestire le 18 abitazioni, situate in via Gandusio, e ha chiesto il contributo dei cittadini per completarne gli arredi. "I primi alloggi saranno pronti gia' da aprile", afferma la direttrice Marina Cesari. I nuclei abitativi saranno destinati a ospitare una o piu' donne con i loro bambini. Le mamme da accogliere saranno segnalate dai servizi sociali territoriali, che insieme all'Asp stanno lavorando per accompagnare le donne ospitate nelle loro strutture in percorsi di inserimento sociale e lavorativo. "Gli alloggi funzioneranno come sistemazioni transitorie, in cui si potra' rimanere solo per un certo periodo, e dovranno aiutare le donne a conquistarsi un'autonomia sempre maggiore", racconta la direttrice, "in modo che arrivino presto a farcela da sole, anche se continueranno a essere seguite e appoggiate dai nostri educatori". Grazie a finanziamenti a cui ha partecipato anche Carisbo, gli appartamenti saranno provvisti del mobilio essenziale. "In questi giorni stiamo contattando i fornitori per procurarci gli arredi principali", continua Cesari, "ma non abbiamo i fondi per gli accessori.
Abbiamo pensato di chiedere aiuto alla popolazione bolognese. Chiunque sia in possesso di suppellettili che non usa piu' e che voglia riciclare, aiutando allo stesso tempo delle persone bisognose, e' invitato ad aderire alla nostra iniziativa". Asp Irides si rivolge dunque ai bolognesi per ricevere donazioni di ogni genere di oggetti nuovi e usati (ma in buono stato) che possano essere utili nella vita quotidiana delle donne e dei bimbi che occuperanno gli appartamenti. Dalle lenzuola alle posate agli articoli per la pulizia della casa. Secondo Marina Cesari, "si tratta di un modo di agire innovativo da parte di un ente pubblico.
Con la collaborazione del Centro Interculturale Zonarelli, che ringrazio, abbiamo deciso di fare affidamento sul sostegno della comunita' perche'
gli appartamenti siano pronti al piu' presto". La direttrice invita chi voglia contribuire ad immaginare le esigenze delle mamme sole che utilizzeranno le abitazioni, e che avranno bisogno degli accessori casalinghi piu' vari, tra cui biancheria per la cucina, per il bagno, per il loro letto e quelli dei bambini, tende, stoviglie, utensili per la pulizia della casa, lampade da terra e da scrivania. Gli articoli saranno raccolti per tutto il mese di marzo presso il Centro Zonarelli di via Sacco 14. Le persone interessate possono recarsi li' dal lunedi' al venerdi' dalle 9 alle 18, oppure telefonare al numero 051 4222072 per concordare un appuntamento in altri orari e il sabato mattina.
Fonte: (Dires - Redattore Sociale) (Rer/ Dire) 17:09 05-03-12


 

icona facebookicona twittericona invio mailicona stampa